La scelta del Terranova

Se avete deciso di prendere un terranova, sicuramente vi sarete già informati sulle caratteristiche di questa razza, valutando i pro e i contro di vivere PER SEMPRE con questo gigante buono.

Dovete quindi iniziare la ricerca. Se decidete di adottarlo, potrete far riferimento all’associazione NOLOST LAND che si occupa di terranova abbandonati, comunque anche andando in molti canili potrete trovarne.
Se invece pensate di prendere un cucciolo, la cosa migliore è affidarsi ad un allevamento. Per conoscere gli allevamenti presenti in Italia, potete chiedere all’ENCI (Ente Nazionale della Cinofilia Italiana), che vi fornirà gli indirizzi degli allevatori. Oppure potete chiedere al CIT (Club italiano del terranova) che vi darà gli indirizzi degli allevamenti che sono associati  a questo Club.

Sconsigliatissimo prendere un terranova o qualsiasi cane, nei negozi di animali. Molto spesso si tratta di cani importati illegalmente dai Paesi dell’Est. Si rischia di acquistare un cane molto malata, che passerà magari solo qualche settimana in casa con noi, per poi magari morire a causa di qualche malattia per la quale non è stato vaccinato.

Non temiamo di fare qualche chilometro per scegliere un allevamento serio, dove i cuccioli vengono allevati da persone esperte.

Secondo me è importante anche visitare le esposizioni canine, per poter fare un confronto fra i cani di diversi allevamenti. Seppur siano cani della stessa razza, ci possono essere differenze di tipo, può piacere più un certo soggetto, rispetto ad un altro.

Il cucciolo dovrà avere  quasi 3 mesi , prima è meglio non separarlo dalla mamma e dai fratellini, dandogli così modo di sviluppare il suo carattere e imparare le prime regole di vita.

Il cucciolo, fino ad un anno di età, ha bisogno costante della nostra presenza, di essere seguito spesso,soprattutto nella sua educazione. Ricordiamo che il terranova, pur essendo un cane pacifico, ha bisogno di una mano esperta per essere educato, altrimenti potrebbe risultare ingestibile, è sempre un cane di 60 kg  o più,  che se non educato, è impossibile portarlo in giro.

Deciso di prendere un cucciolo, la domanda che vi porrete è: maschio o femmina?

Dal punto di vista fisico le differenze sono enormi: il maschio è molto più robusto e forte, mentre la femmina ha un aspetto più dolce , è più piccola, ma pur sempre solida e compatta.

Per il carattere le differenze sono poche: sono entrambi dolci e pazienti. Il maschio potrebbe essere un po’ più esuberante rispetto alla femmina, soprattutto durante il periodo dell’adolescenza dai 18 mesi ai 3 anni. Il problema del maschio è quando ci sono femmine in calore magari vicino a casa, in questo caso tende a scappare, è un po’ più agitato.

La femmina comunque presenta l’inconveniente del calore, che sarà circa ogni 6 mesi, se vive in casa, vi troverete con qualche goccia di sangue qua e là. Però vi potrà dare il piacere di allevare una cucciolata, nel caso voi decideste di farla accoppiare.

Quando avrete deciso l’allevamento, recatevi presso questo e guardato i suoi cani, prendete visione delle condizione dell’allevamento e fate tante domande all’allevatore, che dovrebbe essere ben felice di rispondere!

Cosa importante: chiedete che vi vengano mostrati i genitori, non tanto per l’aspetto, ma soprattutto per il carattere. Il vostro cucciolo molto probabilmente diventerà come loro!

Inoltre bisogna guardare anche il pedigree, che non è solo un foglio con l’albero genealogico del nostro cucciolo, ma contiene anche informazioni riguardanti la salute dei genitori e nonni, come l’esenzione dalla displasia dell’anca e del gomito,oppure i gradi di gravità,  esenzione da problemi cardiaci. Vi sono ovviamente anche le qualifiche, i titoli e i brevetti conseguiti dagli antenati del nostro cucciolo.

Quando vedrete la cucciolata, dovrete valutare alcune cose, oltre all’aspetto del cucciolo che vi piacerà di più.

Prima di tutto è importante un controllo “sanitario”. Verificare che non vi sia muco nelle narici, indice di infiammazione delle vie respiratorie, che gli occhi non siano cisposi, che la pancia non sia troppo gonfia e tesa, in questo caso potrebbe trattarsi di verminosi,. Inoltre valutate anche la struttura ossea, gli arti devono essere dritti, senza forti rigonfiamenti.

Dopodichè, potrete valutare l’aspetto caratteriale.  Da alcuni atteggiamenti del cucciolo si può capire se da adulto diventerà dominante oppure remissivo.

Ad esempio, se salta addosso, morsica le mani, tiene la coda alta, segue subito il futuro padrone,  potrebbe essere un futuro cane dominante. In questo caso l’educazione deve iniziare da subito con un atteggiamento dolce, ma deciso.

Se,al contrario, tiene la coda bassa, non viene immediatamente, si gira sulla schiena, potrebbe essere un cane sottomesso, che ha bisogno di un’educazione molto dolce.

Detto tutto questo, è arrivato il momento di scegliere il cucciolo e portarlo a casa!!!!

E ricordatevi che un cane è per sempre!!!

Elena Tomaselli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *